fbpx

Filtrare le sostanze contaminanti

L’aria che respiriamo contiene milioni di particelle di sporco in ogni boccata. Per fortuna, le nostre ciglia e le nostre membrane mucose fanno un ottimo lavoro per impedire a queste particelle di polvere di entrare in luoghi in cui ci fanno del male. Ma i contaminanti nell’aria ambiente diventano molto più un problema quando l’aria viene compressa. Il vapore acqueo, i solidi abrasivi e altri pezzi sgradevoli vengono schiacciati insieme per formare masse che possono ostruire le linee, causare il malfunzionamento delle valvole e infliggere un’usura non necessaria ai componenti del compressore d’aria. Inoltre, i compressori d’aria stessi possono rilasciare oli e altri pezzi malsani nel flusso d’aria. Se non controllati, questi inquinanti atmosferici e interni limiteranno l’efficacia dei compressori d’aria, aumenteranno il consumo di energia e ti costringeranno a sostituire prematuramente le parti. È imperativo rimuovere questi contaminanti dall’aria compressa o dal gas prima e durante l’uso. Cartucce del filtro di ingresso: la prima linea di difesa dell’apparecchiatura, il filtro di ingresso dell’aria cattura i contaminanti mentre il compressore d’aria aspira l’aria esterna e la forza in una spirale verso il basso attraverso il componente di aspirazione. Il filtro di ingresso raccoglie i contaminanti e invia l’aria, ora per lo più pulita, alla parte di compressione effettiva dell’operazione. Poiché il filtro pulisce l’aria fissandosi su sporco e sporcizia, il filtro si sporca e si sporca naturalmente, rendendolo sempre meno efficace. La pulizia delle prese d’aria settimanalmente e l’installazione di nuovi filtri secondo le raccomandazioni del produttore semplifica il lavoro del compressore d’aria, migliora l’efficienza energetica e svolge gran parte del lavoro pesante per le stazioni di filtrazione più avanti nella linea. I filtri della linea di ingresso e dell’aria devono essere cambiati quando la loro efficienza viene compromessa. Una riduzione di pochi psi è sufficiente per rendere la sostituzione un investimento utile al fine di risparmiare energia e usura del compressore d’aria. Se non è possibile misurarlo con un misuratore differenziale, sostituire i filtri ogni 1.000 o 2.000 ore di funzionamento (a seconda della serie del compressore d’aria) secondo la tabella degli intervalli di manutenzione specifica della serie del compressore fornita; o prima negli ambienti a utilizzo più intenso. Filtri della linea dell’aria – Collegati direttamente ai compressori d’aria e agli essiccatori, questi filtri costituiscono parte integrante dei sistemi di depurazione dell’aria. I filtri antiparticolato della linea d’aria funzionano come percorsi ad ostacoli, costringendo l’aria attraverso una serie di curve strette e spazi ristretti. I solidi rimasti dal passaggio dell’aria attraverso il filtro di ingresso non sono abbastanza agili da superare tutti gli ostacoli e le contorsioni, e alla fine rimangono appesi alle fibre del filtro. Altri filtri della linea d’aria sono specializzati nell’intrappolare vapori e aerosol. I filtri a coalescenza funzionano raccogliendo i liquidi in goccioline più grandi. Troppo pesanti per essere sopportati dall’aria, si trasformano in trappole per l’umidità sul fondo dell’unità. Meno comuni, i filtri ad assorbimento utilizzano carbone o un altro mezzo per legarsi chimicamente con i lubrificanti e composti gassificati per prevenirne la fuoriuscita. Trappole di drenaggio – Mentre il postrefrigeratore del compressore d’aria raffredda l’aria, l’olio e il vapore acqueo si condensano in un liquido. Devono essere evacuati in modo che non possano ricontaminare il flusso d’aria. Questo lavoro importante, ma spesso ignorato, è la funzione delle trappole di drenaggio. I separatori di umidità raccolgono i liquidi e li depositano nelle trappole dove possono essere eliminati dal processo. Incrostazioni, ruggine, sporco e altri solidi intrappolati nel liquido possono condensarsi e attaccarsi facilmente e causare il blocco degli scarichi. Bloccati in posizione aperta, consentono la fuoriuscita dell’aria e riducono la pressione. Chiuse inceppate, le trappole di drenaggio consentono ai liquidi di precipitare a valle. Gli essiccatori, progettati per evaporare il vapore acqueo, verranno inondati dall’alluvione. Ispezionare, pulire e testare spesso le trappole di scarico; i danni causati da trappole malfunzionanti sono facilmente evitabili. Filtri dell’olio: alcuni modelli di compressori d’aria richiedono l’uso di un filtro dell’olio, oltre al filtro dell’olio interno, per rimuovere limatura metallica, calcio e altri contaminanti in modo che non si depositino dove possono causare danni. Questi filtri possono durare facilmente sei mesi o più in condizioni moderate, ma devono essere sostituiti ogni anno o ogni 1.000 ore di funzionamento, a seconda di quale si verifica per prima, nelle tipiche applicazioni industriali. Pulizia dei separatori ad ogni cambio del filtro dell’olio.

Per maggiorni informazioni contattaci ora